Modesto: "Ribattere colpo su colpo"

Dopo il Padova, per la seconda trasferta di fila il Cesena farà visita ad un’altra seria candidata alla promozione, il Vicenza allenato da un ex bianconero, Mimmo Di Carlo. “La società ha allestito una squadra per vincere il campionato - sono le parole alla vigilia di Francesco Modesto - affidandola ad un allenatore che fino all’anno scorso era in serie A: vuol dire che ha in testa un obiettivo ben preciso. In più ha una storia importante alle spalle. Sarà un’altra gara dura che noi dovremo giocarla senza pensare a chi abbiamo di fronte, ma cercando di sorprendere”.

Altre analogie il tecnico non ne vede: “E’ una squadra che gioca in una maniera completamente diversa dal Padova. Quest’ultimo è più rognoso da affrontare, per come sa difendere e colpire. Il Vicenza gioca più di squadra, ha elementi bravi nell’uno contro uno ma prende anche pochi gol, segno che sa fare entrambe le fasi. Mi aspetto un Vicenza che vorrà fare la gara, mentre noi dovremo essere bravi a non farci intimorire e a ribattere colpo su colpo, portando in campo quanto facciamo in settimana”. Una difficoltà in più sarà rappresentata dal giocare in uno stadio caldo, il secondo del girone B per media presenze, dopo l’Orogel Stadium Dino Manuzzi: “Sarà bello giocarci: come capita ai nostri avversari quando vengono a farci visita, questa volta dovremo essere noi a trovare stimoli da questa situazione”.

Alla sfida di domani il Cesena arriva sulla scia del successo contro l’Imolese: “Le vittorie portano entusiasmo e voglia di lavorare, che in realtà non è mai mancata. La crescita è sempre costante quando si hanno i risultati dalla propria parte: qualunque cosa proponi, i calciatori si convincono. Abbiamo però ancora tanti margini di crescita e possiamo migliorare in vari aspetti, ad esempio anche nelle giocate più semplici, che a volte sbagliamo. Allo stesso tempo è giusto mettere in evidenza le cose che facciamo bene, come l’azione del gol all’Imolese. Dovremo essere bravi a ripeterla più spesso un’azione così perché abbiamo giocatori di gamba che hanno voglia di attaccare".  

Modesto non lascia indicazioni sulla formazione, a parte una (“Gioca Agliardi”, sorride) e non fa drammi per gli infortuni con cui dovrà fare i conti: “Ho tanti calciatori che possono ricoprire più ruoli e, fin qui, chiunque abbia giocato ha sempre fatto bene”.