"Dobbiamo crescere ma la strada è giusta"

Ospite a Pianeta Bianconero, mister Viali è tornato sul pareggio di domenica contro l’Imolese evidenziando gli aspetti positivi emersi dall’incontro. “Abbiamo creato almeno quattro occasioni nitide - ha dichiarato - che avrebbero potuto portare alla vittoria e, per quanto la classifica oggi sia relativa, al primo posto. Questo vuol dire che la squadra ha iniziato bene: deve crescere molto, questo sì, ma ha equilibrio e compattezza, concede poco e prova a vincere fino alla fine. Mentre col Gubbio non siamo riusciti a prendere ritmo, domenica abbiamo fatto un primo tempo di qualità e, dopo un momento a inizio ripresa in cui eravamo sulle gambe, con i cambi abbiamo creato due o tre situazioni che avrebbero potuto portare a una vittoria importante”.

Il tecnico si è poi soffermato sulle prestazioni di alcuni singoli: “Rigoni l’avevo visto bene già a Lucca e Pierini si sta abituando ai nuovi carichi di lavoro: solo giocando possono trovare condizione e ritmo gara. Bortolussi? Gli manca brillantezza e non è l’unico giocatore a non essere partito benissimo. L’anno scorso ha avuto un calo a marzo e aprile: ogni stagione fa storia a sé. Mattia, però, può essere sempre determinante. Quanto a Ilari, con l’Imolese ha giocato quasi sempre da mezzala ma ha fatto il record di gol a Teramo giocando esterno in un centrocampo a quattro”.

Domenica è arrivato l’esordio in campionato per Berti: “La fiducia che gli ho dato sin dalle amichevoli estive dimostra la stima che ho nei suoi confronti. Ha l’istinto del giocatore anche se si tratta di un particolare, con letture e dinamismo superiori alla sua età. Il merito è di chi lo ha accompagnato nella sua crescita nel settore giovanile”.

La gara con l’Imolese ha lasciato un cruccio in William Viali: “Rompe le scatole vincere così poco in casa e vogliamo invertire il trend. Anche se c’è qualcosa che non torna se creiamo così tanto. E il fatto che lo facciamo quando gli attaccanti non fanno cose eccezionali, conferma che siamo sulla strada giusta”.