Zebi: ''La Coppa Italia va onorata''

Alla vigilia del secondo turno di Coppa Italia, che vedrà il Cesena impegnato nella sfida casalinga contro la Virtus Entella, il direttore sportivo Moreno Zebi ha presentato la gara al posto di Viali: ''Credo sia giusto dare un'alternanza comunicativa visto che il mister ha parlato domenica, è stato ieri in trasmissione e parlerà ancora a fine partita domani, oltre che in conferenza prima della prossima gara. Alla base di questa scelta non ci sono motivazioni particolari, se non la volontà di ribadire la nostra coesione: è giusto che non ci siano dietrologie, perché non esistono''.

Il focus dell'intervento di Zebi si è poi spostato sull'impegno di contro la Virtus Entella, da prendere con grande serietà: ''Vogliamo onorare la Coppa Italia in maniera seria - ha dichiarato il direttore sportivo - cercando di fare le cose nel migliore dei modi. Con ogni probabilità ci sarà uno schieramento atto a dare minutaggio a tutta la rosa, in modo da sfruttare l'opportunità per provare a portare tutti nelle migliori condizioni. In questo senso penso a Rigoni, Pierini e Pogliano, oltre agli altri ragazzi che scenderanno in campo. Giocheremo contro una squadra importante, di grande blasone e qualità, ma noi siamo convinti di poter fare una bella prestazione a prescindere dagli interpreti. L'Entella credo che sarà una delle protagoniste per completezza e qualità dell'organico. Sono reduci dalla Serie B e possono contare su giocatori forti, molti dei quali mi piacevano. Parliamo di una squadra di assoluto valore per la categoria, oltre che di una società che veleggia da anni tra Serie C e Serie B, quindi sicuramente molto importante nel palcoscenico del panorama calcistico italiano. Portiere? Viali sta valutando anche questa cosa, sempre nell'ottica di cui parlavo prima, perché per noi è importante avere i ragazzi nelle migliori condizioni visto che ci sarà bisogno del contributo di tutti gli elementi della rosa nel corso del campionato. Questo non significa snobbare la competizione, anzi noi scenderemo in campo per fare il meglio''.

Zebi ha concluso ribadendo l'importanza della Coppa Italia, da non affrontare con superficialità: ''Nel nostro paese c'è un retaggio particolare, secondo cui questa competizione non viene molto considerata a differenza di quanto accade altrove, ma io faccio un po' fatica a comprendere la cosa. La Federazione ha anche deciso di cambiare la formula, ma, a prescindere da questo, se si vince la Coppa Italia arriva un contributo importante, perché si saltano i turni preliminari dei playoff, quindi un contributo di rilievo alla stagione lo può dare. E' anche vero, però, che per portare avanti due competizioni serve una rosa profonda, ma per quanto ci riguarda è importante onorare la partita perché ogni volta che andiamo in campo abbiamo l'obbligo e l'onore di fare bene: dobbiamo cercare di vincere. Sarà anche un'ottima occasione per alcuni giocatori di dimostrare al mister il loro valore. In questa categoria, poi, non esistono le seconde linee, ci sono solo gruppi e io mi auguro che tutti diventino performanti perché saranno importanti nel corso della stagione. I ragazzi che sono qui godono tutti della stessa considerazione da parte mia, a prescindere dalle gerarchie che vengono dettate dagli allenamenti e dal campo''.