"Cesena è una grande occasione"

Anche per Giovanni Nannelli oggi è stato il giorno della sua presentazione alla stampa dopo l’arrivo a Cesena nei giorni scorsi. Lui si descrive così: “Il mio ruolo naturale è quello di esterno offensivo e posso giocare sia a destra che a sinistra, ma sono stato schierato anche da mezzala, da quinto di centrocampo e da mezza punta. Cesena è una grande occasione: questa è una città bellissima con una piazza molto importante dove penso di poter crescere. Ora mi sto ambientando e so di dover imparare dai più grandi: devo restare umile e sereno, pur con la consapevolezza di poter dire la mia in questo gruppo”.

Nannelli ha anche parlato delle sue esperienze passate, con particolare riferimento agli anni delle giovanili: “Due anni fa ho attraversato un periodo difficile perché la Fiorentina, dopo tutta la trafila nel vivaio, ha deciso di non puntare su di me. C'era un po' di rammarico, ma mi sono rimboccato le maniche e ad agosto è arrivata la chiamata della Lucchese, una società che voleva riscattarsi, e io ho dato il massimo per ricambiare questa opportunità”.

Chiosa finale sugli aspetti da migliorare, con Nannelli che ha già le idee ben chiare su questo punto: “Ho parlato di questa cosa col mister e so che devo crescere nella fase realizzativa: devo allenarmi tanto, perché metto in porta i compagni, ma faccio pochi gol. E' una cosa su cui lavorerò e non vedo l'ora di scendere in campo per crescere anche da questo punto di vista. Adamoli? Sicuramente il fatto di avere un compagno che già conosci fa sempre bene, ma questo è un bel gruppo e non c'è stata difficoltà ad interagire con gli altri: sono sereno da questo punto di vista”.