I ricordi di Ciofi e Marson a "Il salotto dei Burdèl"

Parola… alla difesa, nella puntata de “Il Salotto dei Burdèl” andato in onda questo pomeriggio. A dialogare con i tifosi bianconeri sono stati infatti Andrea Ciofi e Leonardo Marson. L’estremo difensore, per via del ruolo, è stato il più penalizzato dal periodo di “quarantena”: “Ho fatto più che altro una preparazione fisica con un lavoro sulla forza. Niente pallone, purtroppo, e questo è un problema perché un portiere deve tenere in allenamento occhio e riflessi”.

Ciofi ha invece giocato la prima gara ufficiale del 2020 e quando il rientro dall’infortunio era ormai vicino si è messo di mezzo il Coronavirus: “Il campo mi mancava già prima, figuriamoci ora…”. Il difensore si è tuffato allora nel passato e ha ripescato qualche cartolina della scorsa stagione: “La gara più bella credo di averla giocata al ritorno contro il Francavilla ma resta indimenticabile l’andata quando feci esordio all’Orogel Stadium. A fine partita partì il coro “Romagna Mia”, guardai Noce e dissi: “Ma quanto è bello?”.

La prima partita in bianconero non la scorsa neppure Leonardo: "Con la Reggiana, un derby: venivamo da un momento di difficoltà ma riuscii a mantenere inviolata la porta. Fu un'emozione incredibile". 

La puntata integrale de “Il Salotto dei Burdèl” è disponibile sul canale You Tube all’indirizzo https://youtu.be/QDVdIZ8LfOI