Ghirelli: "In pieno accordo con il Cesena FC"

“In un momento delicato come questo, la linea che abbiamo seguito dall’inizio è stata quella di mettere lo sport in secondo piano, senza sottovalutare nulla ma nemmeno accelerando la paura. La posizione della Lega Pro è pertanto in pieno accordo con il presidente Patrignani”. Lo ha dichiarato il numero uno della Lega Pro, Francesco Ghirelli, intervenuto telefonicamente ieri sera durante Pianeta Bianconero, condividendo così la lettera che il Cesena FC aveva a lui indirizzato e nella quale è stato chiesto la sospensione dei campionati. “La nostra - ha proseguito Ghirelli - è stata la Lega della sospensione delle gare ma, in una situazione di emergenza, c’è una catena di comando che va rispettata e, quando ci è stato detto che si poteva giocare solo a porte chiuse, abbiamo obbedito. Ora, però, siamo disposti a spostare fino a fine giugno il termine dei campionati, se ci saranno le condizioni per poter riprendere a giocare”.

Il presidente di Lega Pro ha toccato anche l’aspetto relativo alle conseguenze che a livello finanziario possono derivare dal giocare partite a porte chiuse, una eventualità che il Cesena FC ha chiesto di scongiurare: “Il Cesena non è solo un pezzo della storia del nostro paese ma, per la qualità e la dinamicità che ha messo nel progetto sportivo, è tra le realtà che meglio incarnano quel calcio sostenibile voluto dalla Lega Pro. Per superare questo momento abbiamo bisogno di una mano dal Governo e pertanto abbiamo chiesto che un intervento finanziario in favore delle imprese riguardi anche il calcio della Serie C. I nostri presidenti si sono comportati fin qui in maniera impeccabile ma ora rischiano di pagare due volte perché, se andranno in sofferenza con le proprie aziende, inevitabilmente ne subiranno le conseguenze anche i club che comandano. Abbiamo chiesto al Governo di tenere in debita considerazione questo elemento”.