Modesto: "Ce l'andiamo a giocare"

La conferenza stampa di mister Modesto, alla vigilia della gara con la Feralpisalò, si porta dietro ancora il fresco ricordo dell’eliminazione in Coppa Italia, avvenuta mercoledì per mano del Piacenza. “Essere usciti rode un po’ - esordisce il tecnico bianconero -. Ho rivisto la partita il giorno dopo ricavandone la conferma di aver disputato una grande gara e di aver creato tante occasioni. E’ un vero peccato ma ci teniamo la prestazione pur con qualche aspetto da migliorare. Mi riferisco ad una maggior cattiveria sotto porta, pur consapevoli che in zona gol si arriva: sarebbe un problema se non fosse così e invece mercoledì abbiamo riempito l’area, attaccato le zone giuste e questo mi rende super fiducioso”. Modesto ha difeso Sarao messo nel mirino della critica dopo un paio di occasioni fallite, tra cui il calcio di rigore nel finale dei tempi regolamentari: “Manuel è un giocatore determinante e arriva spesso e volentieri in area: ha le occasioni perché se le va a cercare e ha fatto buone gare anche quando non ha segnato. In più dà sempre tutto ed è un giocatore positivo all’interno del gruppo. Prima o poi si sbloccherà e inizierà a fare gol alla prima occasione”.

Spazio quindi alla presentazione dell’avversario di domani: “Ci aspetta una partita molto insidiosa perché, prima di perdere domenica, la Feralpisalò veniva da una serie di vittorie di fila. E’ una squadra che utilizza tutto quello che ha a disposizione: l’uno contro uno, la profondità, l’area di rigore dov’è temibile sui calci piazzati. Grazie all’esperienza di tanti calciatori, è una squadra che sa leggere bene le gare, brava quando attacca e a coprire il campo in fase difensiva. Dovremo stare con le antenne dritte ma andremo a giocarcela, come sempre. Si entra in campo per raggiungere l’obiettivo massimo e per riuscirci l’atteggiamento e la determinazione devono essere quelli delle ultime gare: alla fine vedremo cosa avremo raccolto”.