Sabato: "Qui si respira il calcio vero"

“Col mister c’è da correre tanto ma ha anche idee e con lui ci si diverte”. In conferenza stampa la prima domanda a Roberto Sabato è sul mister che conosce dalla scorsa stagione, la seconda è sul fratello Rocco che a Cesena ha già giocato. “Quando ero ragazzino venivo a vederlo ed essere al Manuzzi era già emozionante. Sapevo già a cosa andavo incontro e non c’è stato bisogno che mi dicesse molto altro. Cesena è un posto dove si respira calcio vero, che non ha paragoni con altre piazze della Romagna: tutti vorrebbero venire qui”.

Poi si ritorna sul calcio di Modesto: “A un difensore lui chiede di essere sempre propositivo e di giocare senza paura quando la squadra ha il pallone, di accorciare e “mangiare” l’avversario in fase di non possesso. Giocando così alti anch’io pensavo che potessimo correre più rischi dietro ma in realtà l’anno scorso ci è capitato di prendere gol più sulle situazioni da fermo o dalla distanza. E’ stato D’Angelo a trasformarmi in difensore centrale ma non pensate che adesso corra di meno: con Modesto si corre e basta”.