Serie D

Capellini: "Speravo che la gara non finisse mai"

Con la doppietta alla Pergolettese, Nicola Capellini è salito a quota tre reti nella Poule Scudetto, vestendo i panni dell’autentico trascinatore, vista anche l’investitura da capitano. “Per tanti di noi forse era l’ultima partita al Manuzzi e io ci tenevo particolarmente perché in casa non avevo ancora segnato. Esserci riuscito mi ha dato una gioia indescrivibile al punto che speravo non finisse più la gara. Sul primo gol mi ha messo una gran palla Valeri e io ho trovato il tempo giusto per incrociarla, sul secondo invece ho fatto forse un mezzo fallo, ma poi ci ho messo dribbling e tiro”.

E ora sotto con la semifinale: “Ci divertiamo e ce la giochiamo: quel che viene è tutto di guadagnato. Qualsiasi squadra ci toccherà, l’affronteremo con leggerezza ma proveremo ad andare in finale ed, eventualmente, a vincerla”. Un bilancio della stagione però si può già fare: “Giocare qui ha un sapore diverso e non avrei scambiato questo campionato con nessun’altra esperienza, anche se ho trovato meno spazio di quanto sperassi. Non so ancora cosa accadrà in futuro ma l’importante è lasciare un bel ricordo”.