Serie D

Angelini: "E' ancora tutto nelle nostre mani"

In conferenza stampa mister Angelini accetta senza fare drammi la quarta sconfitta della stagione: “Può capitare, non siamo extraterrestri. Le gare si decidono spesso per alcuni episodi e noi oggi all’inizio abbiamo preso il palo mentre Borrelli ha pescato l’incrocio dei pali. Sul secondo gol abbiamo invece commesso un errore ma ci può stare. Poi abbiamo provato a rimontare e ci siamo andati vicini, anche se con troppa frenesia. Dico sempre che per vincere bisogna giocare a calcio e nel secondo tempo l‘abbiamo fatto di più, meno invece nel primo, sia per merito della Recanatese, sia per demerito nostro. La squadra però ha dato tutto e non posso imputare nulla ai ragazzi sotto il profilo dell’impegno”. Così il tecnico bianconero spiega il cambio Rutjens per Tortori: “Mancava poco alla fine e ormai non potevamo contare sul fraseggio, ma dovevamo cercare la palla lunga o il gioco aereo sui calci piazzati”

La sconfitta non è un campanello d’allarme: “Pericoli oggi non ne vedo. La squadra è viva, sta bene e ha cercato la vittoria come le altre volte. Cinque punti di vantaggio non sono tanti a nove giornate dalla fine e il Matelica giustamente ci crede ma noi abbiamo l’obiettivo di fare 92 punti ed è ancora tutto nelle nostre mani. Bisogna solo avere pazienza perché era impensabile  vincere il campionato a fine febbraio”.