Serie D

Forlì-Cesena: il derby è bianconero al 98'

Forlì-Cesena termina con il sale sulla coda. Quando ormai l’1-1 sembra intoccabile, nel pieno dell’ultimo giro di orologio Valeri tiene vivo un pallone sulla linea di fondo, rientra verso il centro dell’area e viene agganciato da dietro. L’arbitro Croce indica il dischetto e, dopo quattro minuti, Alessandro fa centro regalando la sesta vittoria esterna di fila, buona a lasciare invariati gli otto punti vantaggio sul Matelica. Prima era stato un derby dove entrambi le reti erano state episodi sfuggiti alla trama che li aveva preceduti. Quella di Ricciardo (assistito dal solito Alessandro) arriva al termine di una prima frazione in cui sono i padroni di casa a creare due nitide palle-gol sempre con Graziani, prima impreciso e poi stoppato da Agliardi. Ma anche la pennellata su punizione di Ambrosini a metà ripresa fa a pugni con un incontro ormai in totale controllo dei bianconeri, vicini due volte al raddoppio (traversa e palo di Fortunato nello spazio di quattro minuti). Episodio per episodio, quello che incendia il finale premia se non altro il coraggio di mister Angelini, che dopo l’1-1 aggiunge De Angelis a Ricciardo, e quello della sua squadra che del pareggio dimostra di non sapere che farsene. Avrà ragione.