"Vogliamo fare un campionato all'altezza"

Rivincita. Se dovesse scegliere una password per sbloccare la sua avventura in bianconero, Simone Russini forse opterebbe per questa. Già “sbloccare”, perché l’attaccante napoletano viene da una stagione in cui ha messo insieme quindici presenze ma solo otto da titolare, e tutto per colpa di un infortunio che lo ha tenuto fermo per un bel po’. Prima e dopo, tuttavia, il talento napoletano è riuscito a mettere in mostra sprazzi del suo talento, lasciando intendere cosa sarebbe potuto essere e cosa potrebbe ancora essere.

“E’ stata una stagione influenzata dallo stop dovuto a un infortunio che mi ha lasciato a lungo fuori - sono state le sue parole rilasciate a Teleromagna -. Ho perso già troppo tempo, ora però i problemi sono accantonati ed essere qui ancora un anno è un motivo di orgoglio: adesso spero di ritagliarmi il mio spazio e, a livello di squadra, fare meglio rispetto allo scorso campionato”.

In chiave futura, è presto per fissare obiettivi: “Quelli si scopriranno col tempo, iniziamo a pensare partita per partita. Quel che è certo, vogliamo fare un campionato all’altezza, come d’altronde era intenzione riuscirci anche l’anno scorso. Quando ci siamo dovuti fermare avevamo raggiunto una certa identità: ecco ripartiamo da dove avevamo finito”.

Intanto una ripartenza c’è già stata: “Anche se con le dovute precauzioni e i protocolli da rispettare è stato molto positivo ricominciare gli allenamenti, fa bene sia a livello individuale che collettivo perché ci permette di rivivere quello che ci è mancato di più nei mesi scorsi: vivere lo spogliatoio”.