Cesena FC - Sammaurese

domenica 30 settembre / Ore 15:00


Cesena FC
4 - 0

Sammaurese

CESENA-SAMMAURESE 4-0 (primo tempo 4-0)

RETI: Stikas al 23’ e 26’, Ricciardo al 34’ e al 42’pt

CESENA (4-2-3-1): Sarini, Zamagni, Ciofi, Stikas, Valeri; De Feudis (21’st Andreoli), Biondini (29’st Tola); Campagna (25’st Pastorelli), Alessandro (11’st Gori), Tortori (29’st Capellini); Ricciardo

PANCHINA: West Astuti, Poggi, Cola, Casadei

ALLENATORE: Angelini

SAMMAURESE (4-3-3): Baldassarri, Paterni, Lombardi N. (1’st Maioli), Rosini, Soumahin; Merciari (1’st Toromani), Scarponi, Errico; Bonandi, Zuppardo (33’st Santoni), Louati (30’st Alfonsi)

PANCHINA: Hysa, Salvi, Lombardi L., Maggioli, Filippucci

ALLENATORE: Mastronicola

ARBITRO: Del Rio di Reggio Emilia (assistenti Abagnale e Maldini)

NOTE: angoli 10-8 per la Sammaurese; ammoniti Zamagni (C); Rosini e Maioli (S); recuperi 1’pt e 3‘st

Il Cesena chiude col bottino pieno la doppia “trasferta” sul campo di Forlì, in attesa di tornare tra due settimane all’Orogel Stadium Dino Manuzzi. La sfida con la Sammaurese per i primi quarantacinque minuti sembra il copia e incolla di quella di sette giorni prima con la differenza, non da poco, che questa volta i bianconeri la chiudono subito. Venti minuti scarsi di equilibrio (ma con l’avvisaglia di un’occasionissima per Campagna che al 5’ centra il portiere), poi i bianconeri mettono la freccia e gli ospiti non leggono più la targa di De Feudis e compagni. Solo che il bomber è quello che non ti aspetti e arriva dalle retrovie: è Stikas che, tra il 23’ e il 26’, sempre su angolo di Alessandro, fa secco Baldassarri, prima di testa e poi di piede. E’ nell’ordine delle cose, invece, la doppietta di Ricciardo che cala il sipario sul derby con un tempo di anticipo. Dopo tante sponde il centravanti bianconero si mette in proprio: al 34’ chiude un triangolo largo con Campagna e sul cross di questi infila di destro al volo; al 42’ ruba palla ai difensori della Sammaurese, si presenta davanti a Baldassarri e deposita in rete dopo averlo aggirato. Fine dei giochi.