Giovanili

Il bilancio della Berretti

L’interruzione anticipata del campionato a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus ha visto la Berretti chiudere al primo posto in classifica davanti a squadre blasonate come Modena, Carpi e Rimini, solo per citarne alcune.

L’approdo in Lega Pro del Cesena cambia il nome (non più Juniores), non la guida tecnica della prima squadra giovanile, che resta confermata a Giovanni Ceccarelli.

Sono cinque i punti con cui i bianconeri staccano in classifica la seconda, quell’Imolese sconfitta 4-3 all’ultima giornata del girone d’andata.

I 32 punti (21 nel girone d’andata) sono frutto di due pareggi e dieci vittorie: spiccano i successi su Ravenna (due volte con altrettante cinquine), Fano e Gubbio oltre all’exploit esterno in casa dell’Imolese. Quattro invece le sconfitte, due per girone: contro Reggio Audace e Modena all’andata, contro Gubbio e ancora i Canarini nelle due ultime gare del ritorno prima dello stop.

Con 33 reti realizzate e soltanto 18 subite, il Cesena ha avuto il miglior attacco e la seconda miglior difesa del campionato, rimasta imbattuta per sei gare.

Il miglior marcatore fino alla stop forzato della stagione è stato Simone Fabretti, classe 2002 con 12 reti a cui seguono Manuel Bernardi con 6 e Nicolò Vallocchia con 5 marcature, entrambi sempre del 2002: questi ultimi due sono stati i primatisti in fatto di presenze, 16 a testa.